Banca Mediolanum ha predisposto un'offerta indirizzata in esclusiva ai clienti in possesso di un conto corrente base con l'istituto e finalizzata ad ottenere un prestito personale fino a 50.000 euro; per accedere al pacchetto Mediolanum Credit non è necessario specificare la finalità della spesa, con l'istituto bancario che provvederà ad inoltrare l'importo richiesto entro 24 ore dalla firma del contratto.

Di norma con Mediulanum Credit può essere erogato un importo che oscilla tra i 1.500 e i 30.000 euro, ma gli ammontare di minimi e massimi possono variare qualora la finalità del finanziamento rientri all'interno di due opzioni:

  • prestito per consolidamento di debiti preestistenti, ossia finanziamenti attivati presso altre banche o finanziarie per i quali sia in corso il rimborso (bisogna essere in regola con tutti i pagamenti). In questo caso i limiti minimi e massimi passano a 7.500 e 50.000 euro, con un numero di prestiti consolidabili con Mediolanum Credit che non può essere superiore a 4.
  • prestito per ristrutturazione casa o piccoli acquisti immobiliari, dichiarati specificatamente dal cliente, che consentono l'innalzamento del limite massimo da 30.000 a 50.000 euro.

In base all'importo richiesto e alle esigenze del cliente, la durata del finanziamento varia dai 12 ai 120 mesi, con le rate mensili che entrano in scadenza il primo o il 15esimo giorno dal mese successivo all'erogazione del prestito. L'ammontare del TAN non viene dichiarato esplicitamente prima del preventivo e sulla base di alcune simulazioni dovrebbe attestarsi intorno al 6% (richiedendo il prestito entro la fine del 2013 è però possibile fruire di un TAN a tasso ridotto). Sul TAEG grava invece come maggior costo quello legato alle spese di istruttoria, che possono essere al massimo pari a 300 euro (il minimo è di 150 euro). L'imposta sostitutiva di bollo è infine pari a 14,62 euro per operazioni sino a 18 mesi.

Le rate possono essere pagate o con addebito diretto in conto corrente o, se lo si preferisce, mediante bollettini postali; al prestito può essere infine abbinata la CPI (Creditor Protector Insurance), una polizza assicurativa che tutela il titolare in caso di morte, infortuni o perdita del lavoro.