Prestiti ai precari - Finalmente buone nuove per i lavoratori con contratto co.co.pro e a progetto: Financial Consulting si "fida" dei lavoratori assunti con contratti atipici e dunque offre una speranza di accesso al prestito anche ai precari.

Si sa che i prestiti, così come i mutui, difficilmente vengono concessi ai lavoratori precari, che sono infatti i lavoratori con minore possibilità di accesso al prestito, a causa dell'atipicità del loro contratto, che per qualsiasi finanziaria è rischioso e non offre le dovute garanzie.

Come si fa ad accedere al prestito di Financial Consulting? Basta fornire un documento di identità valido, il proprio codice fiscale, l'ultima busta paga, il contratto di lavoro o semplicemente la lettera che attesta l'assunzione.

Cosa prevede l'offerta? Si può richiede al massimo un importo pari a 20 mila euro, da rimborsare in 120 mesi al massimo, il tasso è fisso e di conseguenza anche la rata, non si incorre in spese di istruttoria o di penali in caso di estinzione anticipata del finanziamento.

Il Taeg differisce dal prestito personale (5,9%), a quello per il prestito di liquidità (8,8%), vi è inoltre la possibilità di stipulare una sorta di polizza assicurativa che tuteli in caso di sopraggiunto licenziamento e di conseguente impossibilità al saldo delle rate.

L'offerta proposta da Financial Consulting prevede tassi promozionali fino alla fine dell'anno.

Una speranza, dunque, anche per i lavoratori precari che solitamente non sono visti di buon occhio dalle finanziarie.