In un periodo in cui le banche prevedono di chiudere gli sportelli al pubblico per incrementare i servizi online ed è difficile ottenere prestiti persino per le aziende, a Parma aprirà una nuova realtà creditizia, una banca del territorio, la Banca di Parma.

Una novità che richiede coraggio e fiducia nel domani e che attende solo l'autorizzazione della Banca d'Italia per iniziare a lavorare. I soci della banca del credito cooperativo sono già tantissimi, e si può ancora fare una manifestazione di interesse per diventare socio ed essere inseriti in una lista di attesa.

Un'interessante iniziativa che ha già realizzato la Banca di Parma è un corso gratuito di educazione finanziaria aperto ai soci e al pubblico interessato. Una serie di quattro incontri per illustrare sia i concetti semplici di finanzia come cos'è un'obbligazione, una SICAV o un derivato sia il calcolo dello spread. Uno degli incontri sarà anche focalizzato sul sistema pensionistico e i fondi di pensione.

Il docente del corso è un'esperto di finanzia della divisione Financial Risk Management di Prometeia, che con chiarezza descrive la finanzia a un pubblico eterogeneo. Gli esempi pratici su Excel permettono di comprendere velocemente il calcolo del rendimento di un conto deposito vincolato, oppure di percepire la difficoltà che si avrebbe nel dover calcolare il rendimento effettivo di un piano di accumulo mensile.

I correntisti spesso vengono sommersi da queste nozioni dal proprio gestore finanziario che gli propone diversi tipi di investimenti per fare aumentare il capitale nelle loro tasche. In quegli istanti ogni ragionamento sembra corretto e ponderato, ma i clienti hanno maturato davvero le competenze per comprenderne i vantaggi e svantaggi inclusi nei più svariati pacchetti di investimento?