In questo periodo di lunga crisi e recessione, gli italiani si trovano spesso costretti a chiedere prestiti per fronteggiare una situazione di stallo economico e mancanza di liquidità quotidiana, e tra le centinaia di proposte dalle finanziarie alle banche, per scegliere il prestito migliore e tutelarsi cosi da spiacevoli sorprese senza rimanere strozzati dagli interessi , ci sono 5 regole importanti da tenere a mente , per scegliere in maniera più conveniente e sicura.

Ecco le 5 regole fondamentali:"

1. Il TAN: scegli il migliore e ottieni una rata più bassa.

Il TAN, Tasso Annuo Nominale, è il tasso di interesse che le banche utilizzano per fissare l'importo delle rate che dovrai sostenere mensilmente per restituire il tuo prestito: più il TAN è basso, più conveniente sarà la rata del prestito.

2. Il TAEG, Tasso Annuo Effettivo Globale, per scegliere il prestito più adatto alle tue esigenze scegli valutando il TAEG, ovvero le spese accessorie, spese che non sono strettamente legate al rimborso del capitale o al pagamento degli interessi.

Le spese accessorie rappresentano i costi legati ai servizi necessari alla gestione del tuo prestito. Le principali sono:

  • Le spese di istruttoria
  • Le spese di incasso e gestione rata
  • L'imposta di bollo/sostitutiva sul contratto
  • Spese di chiusura della pratica
  • Il costo per le singole comunicazioni periodiche
  • Il costo di un'eventuale assicurazione

Il TAN e il TAEG, riassumono in valore percentuale il costo reale di un prestito e ti consente di capire immediatamente la convenienza del finanziamento.

3. Costo dell'assicurazione: non sempre è obbligatoria.

A seconda del tipo di finanziaria le polizze assicurative vengono proposte con modalità differenti: la sottoscrizione può essere obbligatoria o facoltativa. La copertura assicurativa è un costo che va a incidere indubbiamente sul valore della rata, ma ti consigliamo di valutare l'assicurazione come un'opportunità di restituire le rate con la massima tranquillità.

L'assicurazione serve a tutelarti dal rischio di insolvenza, consentendoti di sostenere l'impegno economico preso anche al verificarsi di eventi negativi (malattie gravi, infortuni permanenti, decesso e/o improvvisa disoccupazione). Grazie alla copertura assicurativa, la compagnia si prende carico delle rate nel caso in cui tu sia impossibilitato a restituire la somma avuta in prestito.

4. Garante: la richiesta verrà accettata con più probabilità.

Banche e finanziarie sono sempre più attente a limitare un possibile rischio di insolvenza da parte del richiedente. Il garante rappresenta una sicurezza in più per la banca che, in questo modo, si assicura il rimborso delle rate nelle modalità e nei tempi stabiliti nel contratto di prestito.

Ti ricordiamo che la presenza del garante non è sempre un requisito necessario alla concessione del prestito, ma una condizione che contribuisce a far di te un cliente ideale.

5. Allunga la durata per ridurre la rata: otterrai il prestito più facilmente.

Quando fai richiesta di un finanziamento cerca di distribuire su più anni il peso delle rate: in questo modo otterrai un valore della rata più conveniente e aumenterai la possibilità di veder accettata la tua richiesta".