Tanti giovani, vista la crescente disoccupazione, pensano di mettersi in proprio ma hanno il timore di imbattersi nella tipica e odiosa burocrazia italiana.

Per scongiurare parte dei problemi, basta conoscere la legge 95/95 che prevede finanziamenti per i giovani che vogliono diventare imprenditori.

Finanziamenti a fondo perduto giovani: come funziona il prestito

I contributi erogati sono a fondo perduto, oppure vengono erogati sotto forma di prestiti a tassi agevolati.

Questa legge, nata essenzialmente per il Sud, nel 1994 è stata estesa anche ad alcune aree del Centro-Nord.

Chi sono i destinatari di tali agevolazioni e dun que dei finanziamenti a fondo perduto?

Giovani di età compresa tra i 18 e 36 anni residenti nelle zone depresse d'Europa che costituiscono nuove società sotto forma di s.a.s., s.n.c., s.r.l, S.p.A., s.a.p.a., s.s., cooperative e piccole cooperative

LEGGI ANCHE: Finanziamenti a fondo perduto: ecco i 5 migliori prestiti

Non ci sono vincoli temporali per la presentazione delle richieste di agevolazione.

I progetti d'impresa finanziabili devono riguardare settori di attività legati a:

  • produzione di beni agricoli, artigianato e industria;

  • fornitura di servizi alle imprese (sono esclusi i servizi alle amministrazioni pubbliche e le attività di commercio e turismo).

Sono esclusi eventuali ampliamenti, ammodernamenti, di strutture create in precedenza

Entità dei finanziamenti a fondo perduto per giovani imprenditori erogabili

I finanziamenti possono arrivare fino al 50% a fondo perduto, a cui si aggiunge un mutuo pari al 40% degli investimenti, da restituire tranquillamente in 10 anni.

Inoltre, nei primi 2 anni di attività ci saranno agevolazioni per l'acquisto di materie prime e altro che possono arrivare fino al 50% del totale delle spese. Sono inoltre previste convenzioni con Sviluppo Italia S.p.A. e le banche che aderiscono al progetto

Per 10 anni è vietato trasferire quote della nuova società a utenti che non hanno i requisiti previsti dalla legge 95/95.

Sono previsti 2 tipi di finanziamento:

  • le spese di investimento prevedono contributi a fondo perduto e mutui a tasso agevolato per acquisti di terreni, acquisti di macchinari, opere edilizie, software, brevetti ecc. Insomma tutto ciò che occorre per realizzare un'azienda.

  • un servizio di accompagnamento alla progettazione che aiuti i giovani a definire il profilo dell'azienda da creare. Consulenze e informazioni da parte di esperti, prima della progettazione e un tutor, subito dopo la partenza dell'azienda per facilitare la soluzione di numerosi problemi che potrebbe trovare il neo-imprenditore.

Per usufruire di queste fondi bisogna compilare un modulo di richiesta (presente nelle varie camere di commercio) da spedire con raccomandata A/R o consegnato personalmente presso la sede di Sviluppo Italia, Via Boccanelli 30, 00138 Roma o presso le sedi regionali della società, se presenti

Alla domanda bisogna allegare in duplice copia:

  • il progetto di impresa e copia dell'atto costitutivo della stessa

  • certificato di vigenza, ovvero il documento che contiene tutte le informazioni di un'azienda a partire dalla data della sua prima costituzione, ecc

  • certificato che la sede della società si trovi nei territori d'applicazione della legge,

  • certificato che dichiari che la nuova società è costituita da soci tra 18 e 35 anni.

Dopo circa 6 mesi, Sviluppo Italia, comunicherà agli aspiranti imprenditori l'esito della domanda.

In caso di esito positivo, gli imprenditori saranno invitati a sostenere un colloquio a Roma per definire il piano esecutivo per l'ottenimento definitivo del finanziamento a fondo perduto.