La voglia di viaggiare conosce solo un ostacolo: il redditometro. Tanto è il desiderio di conoscere posti nuovi, di vedere luoghi diversi e di spostarsi dal tram tram quotidiano, dai soliti luoghi cittadini, che si mette mano al portafoglio piangendo con un occhio solo contro il redditomentro. Eppure esistono delle possibilità di contrarre un prestito per le proprie vacanze in maniera sicura e very easy, senza avere sulla testa l'ansia della restituzione del debito.

Infatti è stato registrato un netto incremento - parliamo a doppia cifra - dei finanziamenti per disporre subito di quella liquidità necessaria per realizzare il proprio sogno, il viaggio indimenticabile, per raggiungere una meta, perché si vive una volta. E quindi un finanziamento confort è la soluzione migliore per tante persone, per ottemperare sia ad una minore disponibilità di denaro che per una strategia fiscale vantaggiosa.

Un esempio? Chiesto un preventivo a dieci agenzie di viaggio per una vacanza ai Caraibi, importo medio di 10mila euro, in sette casi e' stata proposta la formula del finanziamento. E, in cinque di questi casi, l'operatore di turno ha fatto riferimento, più o meno diretto, al rischio che la spesa in contanti possa essere intercettata dagli ispettori del fisco.

Qual è la migliore offerta? Un finanziamento per 60 mesi, con una rata mensile di 203,54 euro e un Taeg dell'8,95%. L'importo totale dovuto e' di 12.336,07 euro. Ovvero, oltre 2300 euro di interessi. In un caso e' stato proposto un finanziamento a tasso zero, ma con una 'commissione' da pagare all'agenzia di circa mille euro.

Quindi la paura del redditometro è ben presto superata grazie al sistema dei finanziamenti. Ma sono solo i privati cittadini che sottoscrivono un prestito? Eh no invece, perché può diventare persino una fonte di guadagno. Le finanziarie offrono prestiti anche per le agenzie di viaggi che li propongono per pagare i pacchetti che offrono.

È chiara una cosa: nessuno fa un finanziamento se non è vantaggioso. Il prestito vacanze, infatti, è un esperimento molto ben riuscito. La cifra richiesta viene accreditata direttamente sul conto corrente senza nessuna spesa di istruttoria. A differenza di altre tipologie di prestito, non sarà necessario fornire spiegazioni per l'utilizzo del denaro. In sostanza, si riesce a finanziare il 100% del viaggio e anche di più, senza dover fornire documentazione aggiuntiva alla finanziaria. Secondo le analisi di Prestiti.it, nel primo semestre del 2012 banche e finanziarie hanno concesso oltre 24 milioni di euro di finanziamenti per le vacanze.