SuperMoney ha raccolto molte richieste di informazioni da lettori interessati a richiedere dei prestiti, in particolare riguardo alla cosiddetta cessione del quinto dello stipendio o pensione. Vi proponiamo una sintesi delle principali caratteristiche di questo finanziamento.

Cosa è

Si tratta di un prestito personale le cui rate vengono rimborsate attraverso una trattenuta diretta sulla busta paga o sulla pensione. Il massimo importo erogabile è pari al 20% dello stipendio, ecco perché si chiama cessione del quinto.

A chi si rivolge

La cessione del quinto è riservata a lavoratori dipendenti e pensionati. Per questi ultimi, è possibile accedere al finanziamento se la pensione è erogata dall'Inps o dall'Inpdap, ma anche - è importante sottolinearlo - da altri enti previdenziali, come ad esempio Inarcassa.

In base al decreto 313 del 2006 del Ministero delle Finanze, è stato disposto che i diversi enti previdenziali attuino condizioni contrattuali più favorevoli ai pensionati rispetto a quelle medie di mercato. Ogni ente pubblica la normativa in materia di cessione del quinto, specificando tutti i dettagli sulle clausole. I pensionati interessati possono chiedere informazioni anche presso gli sportelli dedicati presso le sedi dell'ente previdenziale di riferimento.

Come ottenerlo

Basta inoltrare la richiesta alla banca o all'istituto finanziario scelto, che provvederà a coinvolgere il datore di lavoro. Quest'ultimo non può sottrarsi per legge alla cessione del quinto e disporrà che le rate vengano trattenute direttamente dalla busta paga. Nel caso in cui il richiedente sia un pensionato, il ruolo precedentemente ricoperto dal datore di lavoro spetta all'ente previdenziale.

Prima di stipulare un contratto, vi suggeriamo di confrontare le diverse proposte sul nostro sito o, comunque, di rivolgervi a istituti specializzati nella cessione del quinto come Pitagora SpA o IBL Banca.