Tempo di ferie, ma anche di decisioni importanti per i giovani diplomati. Entro settembre, infatti, chi ha intenzione di proseguire gli studi ed iscriversi all'università, dovrà scegliere l'ateneo e magari accedere ai test di ammissione. In tempo di crisi ad orientare le scelte è anche il peso economico che questa decisione comporta. Frequentare l'università richiede, infatti, spese elevate sempre più difficili da sostenere per gli studenti e le loro famiglie. Per questo Unicredit ha pensato al prestito "ad honorem", un finanziamento riservato a chi frequenta corsi di laurea, master universitari o corsi di formazione.

Il credito erogato servirà a finanziare gli studi, ma non dovrà essere rimborsato immediatamente. Il finanziamento, infatti, si formerà nel tempo tenendo conto delle spese sostenute e di cui l'Università informerà la Banca. Il pagamento avrà inizio solo al termine degli studi e potrà essere ritardato di due anni, durante i quali matureranno solo gli interessi del caso, per non gravare troppo sui giovani dottori in cerca di occupazione.

Tutte le modalità di erogazione e rimborso del finanziamento sono prestabilite al momento della stipula del contratto da Unicredit e dall'Ateneo di riferimento. Il prestito prevede un tasso di interesse fisso che tutela i giovani risparmiatori da eventuali oscillazioni e imprevisti del mercato. Quanto alla durata, questa può variare da un minimo di 12 mesi fino ad un massimo di 180 mesi e il rimborso avverrà tramite rate mensili, da saldare in un giorno stabilito al momento della stipula.