La richiesta di un prestito è sempre legata alla preoccupazione per il pagamento delle rate mensili. Spesso la necessità impellente o l'abitudine a far riferimento all'istituto di famiglia o a quello più vicino a casa, inducono a fare delle scelte affrettate e poco convenienti. Prima di sottoscrivere un contratto di finanziamento è bene fare un calcolo accurato dell'ammontare effettivo del prestito, per conoscere il suo prezzo complessivo e per vedere se si riesce a pagare la rata mensile.

Anzitutto, per fare un calcolo preciso, bisogna considerare i due tassi di interesse del finanziamento: il Tan e il Taeg. Il primo, spesso citato negli sponsor pubblicitari con le formule "Tan a tasso zero", rappresenta il il Tasso Annuo Nominale, cioè il tasso di interesse applicato a un finanziamento, calcolato sull'importo fornito dalla banca. Da questo indicatore, in realtà, sono però escluse tutte le spese "accessorie" del prestito (spese di istruttoria, quelle di apertura pratica, di incasso delle rate e le eventuali spese assicurative), per cui serve per calcolare la rata del prestito, ma non è sufficiente per capirne il costo reale.

Per fare ciò, è necessario fare riferimento al Taeg,cioè il Tasso Annuo Effettivo Globale, anche definito indicatore sintetico di costo (ISC), che, oltre a indicare l'interesse applicato sul finanziamento, include anche tutti gli oneri accessori a carico del debitore. Nel Taeg, in base a quanto previsto nella normativa per il credito al consumo, deve essere indicato il costo delle commissioni, delle imposte e le assicurazioni obbligatorie. Nel Taeg, invece, sono escluse le spese relative ai bolli statali, le spese notarili, gli interessi di mora e le assicurazioni non obbligatorie, che bisogna però considerare per il calcolo del prezzo finale del prestito.

L'importante, quindi, è non fermarsi semplicemente al Tan, ma considerare il Taeg e tutte le eventuali spese in esso non comprese. Un buon modo per fare un calcolo dei prestiti on line è fare riferimento ai servizi di calcolo offerti dagli stessi istituti bancari, mentre se si vuole fare un confronto tra i diversi prestiti è possibile consultare il sito di SuperMoney.