L'intervento della Cassa di depositi e prestiti "è decisivo" soprattutto nell'erogazione di prestiti a medio e lungo termine. Questo è quanto ha sottolineato Franco Bassanini, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, in un' intervista all'Adnkronos in cui ha messo in luce il "ruolo chiave" della Cassa per il "rilancio dell'economia italiana".

Bassanini ha evidenziato l'importanza dell'impegno della Cdp nel sostenere i finanziamenti a medio e lungo termine. Se la Bce, con le sue maxi-operazioni di liquidità, si è concentrata sui prestiti a breve termine, mettendo "una pezza sui problemi di liquidità a breve" - ha precisato Bassanini - la Cdp sta facendo già molto per assicurare finanziamenti a medio-lungo termine, essenziali per gli investimenti delle imprese e il rilancio delle infrastrutture" in una "crisi di liquidità che comporta non sono credit ma anche equity crunch".

Bassanini, ha voluto descrivere anche i diversi strumenti con cui gestisce il suo intervento la cassa. In particolare gli interventi riguardano i finanziamenti alle imprese: "Abbiamo creato- ha spiegato - uno strumento con cui diamo provvista alle banche per fare prestiti alle imprese da tre a dieci anni: una prima tranche di 8 mld è andata esaurita, con 52mila imprese finanziate, ora è pronta una nuova tranche da 10 mld. In tutto fanno 18 mld e siamo pronti a considerare nuovi stanziamenti". Un altro strumento è destinato alle aziende esportatrici, per cui sono già stati erogati 800 milioni. Inoltre sono previsti anche due strumenti di "equity": la partnership con Il Fondo italiano per gli investimenti e la partecipazione a fondi internazionali. si tratta di strumenti importanti per la crescita delle nostre imprese, anche in campo internazionale.