Con l'inizio dell'anno, il leggero vento di ottimismo che aveva caratterizzato l'atteggiamento degli italiani nei mesi precedenti pare essersi affievolito. Il grado di soddisfazione della popolazione a gennaio è tornato a calare e la fiducia ha toccato i minimi storici. Questo è quanto emerge dal rapporto mensile dell'Osservatorio Findomestic (in collaborazione con IPSOS), banca specializzata nell'offerta di prestiti personali.

La notizia non coglie impreparati, perché già nei rapporti precedenti ci si aspettava una nuova contrazione nel campo dei prestiti, uno dei settori che risente maggiormente del calo della fiducia degli italiani che tendono a contenere le spese, con effetti negativi sopratutto sul fronte di consumi. Secondo la scala di valore stabilita dall'Osservatorio, che prevede un punteggio tra 1 e 10, in cui la soglia positiva è 7, la fiducia degli italiani a gennaio avrebbe raggiunto solo 3,5 punti, abbassandosi sia rispetto a dicembre (3,64 punti) che rispetto a novembre (3,54 punti). Ben 7 intervistati su 10 hanno dichiarato di essere insoddisfatti della situazione attuale. I più sfiduciati sono gli abitati delle regioni del Nord-Est, mentre sembra che quelli del Sud, delle Isole e del Centro, manifestino un atteggiamento meno negativo, anche se sempre inferiore ai 4 punti.

In generale, i problemi relativi all'occupazione e il minore potere di acquisto, hanno portato gli italiani a limitare le loro spese. La propensione al risparmio, invece, sembra essere in aumento: il 10% degli intervistati ha dichiarato di voler aumentare i soldi messi da parte. Una percentuale molto più alta rispetto alla rilevazione precedente in cui erano solo il 3%.

Per quanto riguarda le previsioni di acquisto nei prossimi tre mesi si rileva comunque una lieve crescita nelle percentuali delle persone che si dichiarano propense all'acquisto di alcuni prodotti, soprattutto nel comparto degli elettrodomestici e dell'elettronica. Per quanto riguarda gli elettrodomestici sia bianchi che bruni, il 19% degli intervistati ha affermato di essere orientato verso l'acquisto di uno di questi prodotti, mentre per il settore dell'elettronica sono il 13% gli italiani disposti a comprare una tv, uno smartphone o un pc nel prossimo trimestre.

Molto bassi sono i livelli di crescita della propensione agli acquisti nel comparto di auto e moto, anche se si vede una lieve risalita dopo aver toccato i livelli più bassi a fine anno. Anche per le spese relative all'arredamento per la casa salgono le previsioni di acquisto. Dopo la contrazione dei mesi precedenti si registra anche una maggiore voglia di vacanza tra gli italiani, segnalata anche dalla crescita negli acquisti di abbigliamento sportivo.

Per tutti coloro che per affrontare queste spese avessero bisogno di prestiti, il consiglio è di confrontare le offerte di prestiti sul mercato attraverso siti come SuperMoney, che permette di comparare le migliori proposte di prestiti on line di molte banche sul mercato come Findomestic, Compass, Agos Ducato e molte altre.