Gli italiani spendono più di quanto guadagnano, e la crisi economica non contribuisce a dare la stabilità sognata dai risparmiatori. Anzi, in questo periodo, i cittadini mettono mano al portafoglio con maggior frequenza e, se necessario, richiedono un prestito: quattro italiani su dieci hanno bisogno di risorse superiori a quelle che guadagnano.

Questa fotografia di un Italia che fa fatica a risparmiare è stata scattata da un'indagine realizzata dall'Acri, l'Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio, in occasione della celebrazione della Giornata Mondiale del Risparmio. L'analisi, effettuata sulla base dei dati raccolti nella settimana tra fine settembre e inizio ottobre 2011, oltre a prendere in considerazione 1000 interviste condotte su un campione rappresentativo suddiviso per aree geografiche e classi di età, ha tenuto conto anche di indagini congiunturali fornite dall'Istat e da Ipsos nel corso del 2011.

I dati hanno evidenziato che il 60% degli italiani è convinto di aver ridotto, negli ultimi anni, le riserve di risparmio accumulate nell'arco della propria vita. Il 42% (36% nel 2010) degli italiani teme di non riuscire a risparmiare nel prossimo anno come in passato, e solo il 13% spera di risparmiare di più: il dato più basso mai registrato al riguardo da questa indagine (nel 2010 era il 15%, nel 2009 il 19%). La difficoltà di accumulare risparmio sembra colpire maggiormente nel pieno dell'età lavorativa, fra i 31 e i 64 anni (e per i pensionati esistono i prestiti Inpdap).

Effettivamente, statistiche alla mano, sono aumentati i cittadini che non riescono a vivere serenamente se non risparmiano (il 44% contro il 41% del 2010): sono poco più di un terzo gli italiani che ci sono riusciti davvero (il 35% contro il 36% del 2010). Al Sud sono meno (il 25%, 5 punti percentuali in meno) e, soprattutto, è aumentato il numero di famiglie in saldo negativo di risparmio. La propensione al risparmio viene influenzata da numerosi fattori: il desiderio di avere una concreta sicurezza nel futuro, il timore riguardo all'avvenire economico personale e del Paese, nonché le preoccupazioni relative al proprio reddito dopo la pensione.

Dunque, per non affogare tra le tante spese della quotidianità, stipulare un prestito può essere davvero una buona soluzione. Ma come fare per scegliere il finanziamento più in linea con le proprie esigenze? SuperMoney, il portale che offre un servizio di confronto prestiti on line, aiuta l'utente nella valutazione e nella scelta del prestito più adatto.