L'Italia sta attraversando un momento di crisi economica, e sempre più persone, anche in età avanzata, richiedono un prestito per riuscire a gestire in modo più sereno le spese quotidiane. Dal primo ottobre l'Inpdap, il secondo ente previdenziale italiano, ha ampliato la propria offerta di prestiti e mutui agevolati per cercare di sostenere i propri iscritti in questa fase di incertezza finanziaria.

I prestiti Inpdap sono destinati ai lavoratori pubblici e alle loro famiglie, e ai pensionati che aderiscono alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali istituita presso l'ente. I prestiti Inpdap si suddividono in piccoli prestiti e prestiti pluriennali. I piccoli prestiti possono essere annuali, biennali, triennali o quadriennali, e l'erogazione della somma è pari ad una o più mensilità dello stipendio, da restituire mediante rate a cadenza mensile entro il periodo di tempo concordato con l'ente erogante. Sull'importo lordo dei piccoli prestiti viene applicato il Tan del 4,25%, la ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione e quella relativa al contributo del fondo rischi.

I finanziamenti pluriennali sono rivolti a chi ha almeno quattro anni di anzianità di servizio e quattro anni di versamenti contributivi; possono avervi accesso i dipendenti a tempo indeterminato e determinato con scadenza non inferiore a tre anni, a patto che la durata del prestito non superi quella del contratto. Sull'importo lordo dei prestiti pluriennali si applica il tasso di interesse nominale annuo del 3,50%; la ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione e quella relativa al contributo del fondo rischi.

I prestiti pluriennali possono essere erogati per diverse finalità, tra cui: cure mediche e dentistiche, acquisto della casa, ristrutturazioni e installazioni di impianti per l'energia rinnovabile, studi, matrimonio e nascita dei figli, acquisto dell'auto, trasloco, furto e incendio, ed eventi come calamità naturali. Per ogni tipologia di finanziamento è previsto un importo massimo erogabile che, dal primo ottobre, per i prestiti pluriennali, è stato aumentato, e varia in relazione alla gravità delle esigenze del richiedente.

Gli utenti che non hanno i requisiti per accedere ai prestiti agevolati Inpdap, possono valutare le altre offerte proposte dal mercato del credito. Grazie al servizio di confronto prestiti di SuperMoney, è possibile valutare le alternative offerte da banche e finanziarie per diversi profili di lavoratore e selezionare i prestiti on line più adatti alle proprie esigenze.