Le famiglie italiane, soprattuto in tempo di crisi, stringono la cinghia e cercano di limitare i consumi, ma quando si tratta dell'educazione dei propri figli , le rinunce non sono ammesse, e c'è chi ricorre al prestito per finanziare gli studi. Il percorso accademico rappresenta sicuramente una spesa importante, che va a incidere in modo determinante sul bilancio familiare, ma la missione educativa del genitore non viene meno e, grazie alla richiesta di un prestito, la sete di istruzione viene soddisfatta.

Gli studenti più meritevoli possono, però, autofinanziarsi gli studi attraverso numerose soluzioni: il Governo, ad esempio, mette a disposizione degli allievi migliori un Fondo per il Merito, che comprende risorse pubbliche e capitali privati per concedere prestiti d'onore agli universitari. Nei casi di eccellenza, questi finanziamenti possono essere trasformati in vere e proprie borse di studio. Pertanto è bene informarsi presso il proprio ateneo in merito alle convenzioni stipulate con gli istituti di credito e sulle modalità per ottenere i finanziamenti: generalmente l'erogazione dei prestiti si basa sul merito. Per tutti i giovani che non possiedono i requisiti necessari per la concessione di prestiti d'onore, è possibile trovare offerte di finanziamento alternative tra quelle presenti sul mercato. Per farlo è possibile utilizzare il servizio di confronto prestiti on line di SuperMoney, che permette di valutare i prestiti offerti da numerose banche.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.