Nonostante si annuncino riprese imminenti, non accenna a diminuire la necessità del confronto finanziamenti, ormai prezioso anche per le imprese e non esclusivamente per i singoli alla ricerca di prestiti personali. In azienda le difficoltà sono ancora nettamente percepibili, anche nelle piccole cose, che per il dipendente sono, invece, indispensabili per il proprio bilancio familiare: stipendi e tredicesima.

Una soluzione è possibile? Un confronto tra finanziamenti, proposti alle imprese da banche e istituti di credito, per riuscire a pagare la tredicesima, un doppio stipendio su cui - sotto Natale - i lavoratori fanno affidamento e il cui pagamento non può essere dilazionato. Spazio ai finanziamenti alle imprese, quindi, prodotti finanziari specifici per coprire difficoltà temporanee correlate a tredicesime e integrazioni di stipendio, da restituire in piccole rate nei mesi successivi, senza gravare eccessivamente sui bilanci societari.

Formule bancarie di questo tipo sono sempre esistite ma, mai come in questo periodo, sul mercato del confronto finanziamenti si sono moltiplicate le offerte, anche da parte di istituti finanziari che mai si erano avventurati su questo terreno. Pensiamo ad esempio all'iniziativa del Gruppo Banca Sella che, in vista delle scadenze di fine anno, ha messo a disposizione delle imprese finanziamenti pari a 1.750 euro per ciascun dipendente. La somma sarà rimborsata in 5 rate mensili a partire da febbraio 2010: "Con questa iniziativa - ha detto Silvana Terragnolo, responsabile crediti del Gruppo Banca Sella - abbiamo voluto dare un ulteriore segnale di attenzione e sostegno alle piccole e medie imprese. In questo periodo dell'anno, infatti, le imprese si trovano a dover affrontare scadenze importanti per tutti i dipendenti e questa soluzione potrebbe rappresentare un valido aiuto, soprattutto per quelle aziende in difficoltà a causa della congiuntura economica non facile che stiamo attraversando".

A dimostrazione che il peggio sembra passato ma che l'immediato futuro non è certo dei più rassicuranti, è forte l'attenzione delle imprese sui molteplici finanziamenti messi a confronto: proposte per i lavoratori in cassa integrazione, per le imprese che esportano, per gli accordi con la Bei a finanziamento di progetti di ricerca e per la tredicesima.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.