La Banca europea per gli investimenti (Bei) ha erogato nel 2010 prestiti per 8,8 miliardi in Italia, di cui 2,5 a sostegno degli investimenti di 10.702 piccole e medie imprese.

E' quanto emerge dai dati diffusi a inizio marzo dal presidente Bei Philippe Maystadt e dal vicepresidente Dario Scannapieco nel corso di una conferenza stampa a Roma: con 72 miliardi di prestiti firmati e 59 miliardi erogati, la Banca europea si è confermata nel 2010 uno dei più importanti finanziatori di progetti a sostegno dell'economia, oltre che il maggiore emittente sovranazionale di bond con 67 miliardi di emissioni.

Per quanto riguarda l'Italia, i prestiti (in calo del 9% rispetto al 2009) hanno riguardato in primo luogo le Pmi (28% sul totale) e a seguire energia (24%), trasporti e grandi opere (22%). E' salito così a circa 50 mila il numero di piccole medie imprese italiane che tra il 2006 e il 2010 si sono avvalse di finanziamenti dei 23 gruppi bancari partner della Bei.

Tra i prestiti erogati nel 2010 nel nostro Paese, più di un terzo (3,1 miliardi) hanno valenza ambientale. Di particolare rilievo il primo finanziamento attraverso i "project bond" (obbligazioni rimborsate con i proventi del progetto) per i due parchi fotovoltaici di Montalto di Castro

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento'.