Una cicogna carica di 5000 € in arrivo per le famiglie italiane fino al 2011.

Il governo italiano, in collaborazione con il Dipartimento per le politiche della famiglia, ha da poco varato un pacchetto anti-crisi rivolto a tutte le famiglie italiane con un nuovo figlio nato o adottato, che prevede prestiti personali fino a 5000 euro per ogni nuovo nato. Unico requisito: aver dato alla luce o adottato un bambino nel triennio compreso fra il 2009 e il 2011.

Le richieste di finanziamento devono essere presentate entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di nascita o adozione del bambino, presso gli enti creditizi preposti. I prestiti personali previsti dalla misura anticrisi del governo potranno essere utilizzati liberamente dalle famiglie, per qualsiasi tipo di spesa, e dovranno essere restituiti entro 5 anni dall'erogazione. Per quanto riguarda i tassi annui sul prestito, le banche e gli intermediari finanziari che aderiscono all'iniziativa applicano ai finanziamenti garantiti dal Fondo un tasso annuo effettivo globale (TAEG) fisso, non superiore al 50% del tasso effettivo globale medio (TEGM) sui prestiti personali, in vigore al momento in cui il prestito è concesso.

Il debito potrà essere estinto in un'unica soluzione o con rate concordate al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento. Per conoscere nel dettaglio le banche e gli istituiti di credito che aderiscono all'iniziativa dei prestiti personali per famiglie con nuovi nati, e presso i quali è possibile compilare la documentazione richiesta, un elenco aggiornato è pubblicato sul sito del fondonuovinati.it o in alternativa su abi.it.

Per prestiti personali su misura, anche per famiglie che non hanno figli, un elenco completo e aggiornato è consultabile su Supermoney, nell'area dedicata Prestiti personali.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento.