SuperMoney
NUMERO VERDE 800 032424

Finanziamenti

Ti siamo stati utili?
Raccomandaci
su Google

Le categorie di finanziamenti possibili

I finanziamenti sono prestiti di denaro che banche e finanziarie danno in concessione ai richiedenti sulla base di un piano di rimborso rateale, cui vanno sommati gli interessi. Esistono diverse categorie di finanziamenti: finanziamenti personali, finanziamenti on line, finanziamenti alle imprese, finanziamenti comunitari e così via. Le banche utilizzano diversi parametri per decidere se erogare o meno un prestito: questi dipendono dall’importo del credito richiesto, dalla motivazione del richiedente, dalle garanzie economiche che il soggetto può dare all’istituto finanziatore, dalla modalità di rimborso e dalla posizione creditizia del cliente.

Finanziamenti on line

Attualmente, attraverso il web, si stanno diffondendo i cosiddetti finanziamenti on line, un tipo di prestito erogato dalle banche via internet: i finanziamenti on line permettono all'utente di scegliere il prestito più adatto alle proprie esigenze direttamente da casa propria, senza bisogno di recarsi fisicamente presso le filiali dell’istituto di credito.

Altra caratteristica importantante dei prestiti on line è la loro convenienza: un finanziamento on line è in genere meno oneroso rispetto a quelli tradizionali, perché il lavoro degli operatori on line abbatte notevolmente i costi di gestione e intermediazione. Pertanto chi richiede un finanziamento on line può ottenere tassi di interesse inferiori (TAN e TAEG) e altri vantaggi, come spese aggiuntive ridotte o a costo zero (istruttoria pratica, incasso rata).

Finanziamenti personali

I finanziamenti personali sono prestiti che vengono concessi ai privati cittadini per l’acquisto di un gran numero di beni e servizi, oppure per ottenere liquidità. I finanziamenti personali vengono generalmente concessi ai cittadini maggiorenni con un reddito dimostrabile (lavoratori pubblici, lavoratori privati, lavoratori autonomi, liberi professionisti e pensionati): il richiedente dovrà dimostrare all'istituto di credito le proprie garanzie economiche presentando, oltre alla documentazione personale (codice fiscale e carta di identità), anche un documento di reddito. E’ bene ricordare che ogni istituto di credito può adottare politiche differenti per quanto riguarda la concessione dei finanziamenti: prima di sottoscrivere un contratto di prestito, è necessario valutare con attenzione tutte le condizioni previste.

Finanziamenti alle imprese

I finanziamenti alle imprese sono prestiti pensati per le aziende che hanno bisogno di una certa somma da investire nella propria attività e vengono erogati attraverso la mediazione di specifici enti, che riuniscono i rappresentanti del settore di riferimento. Di solito i finanziamenti alle imprese si rivolgono alle Pmi del settore produttivo che vogliano migliorare il proprio business, per esempio attraverso l’acquisto di materiali, il rinnovo dei locali e così via.

Esistono diverse tipologie di finanziamenti alle imprese: questi prestiti agevolati possono essere richiesti soltanto da aziende che presentino determinate caratteristiche e hanno il vantaggio di offrire tassi di interesse vantaggiosi rispetto a quelli di mercato; i finanziamenti per imprese a breve termine servono per far fronte a necessità improvvise e hanno generalmente un importo ridotto; quelli a lungo termine prevedono l’erogazione di somme più consistenti, destinate al miglioramento della propria attività. Esistono anche finanziamenti specifici per chi vuole aprire un’attività in franchising, che possono prevedere l’erogazione di una somma a fondo perduto. L’erogazione di prestiti alle imprese è in genere vincolata alla presentazione del business plan dell’azienda che ne fa richiesta.

Finanziamenti comunitari

Per sostenere lo sviluppo delle piccole e medie imprese l’Unione Europea, in collaborazione con gli Stati membri, mette a disposizione specifici finanziamenti sottoforma di sovvenzioni, prestiti e garanzie. Esistono tre principali tipologie di finanziamenti comunitari: i finanziamenti diretti, detti anche “Programmi comunitari”, sono emanati, gestiti e controllati direttamente dalla Commissione Europea e mirano a finanziare progetti in diversi settori; queste sovvenzioni sono erogate nella formula del cofinanziamento a fondo perduto, formalizzato attraverso inviti a presentare proposte (call for proposal) formulati direttamente dalla Commissione europea: le Pmi possono presentare domanda diretta di adesione alla Commissione stessa.

Con i finanziamenti a gestione indiretta, le risorse economiche vengono messe a disposizione degli stati nazionali o delle regioni, cui spetta il compito di amministrarli. Fanno parte di questa categoria i Fondi strutturali (Fesr, Fse, Fondo di coesione) che hanno l’obiettivo di favorire la coesione e lo sviluppo economico e sociale delle regioni e degli Stati. Infine ci sono gli strumenti finanziari BEI e FEI, che prevedono l’erogazione di prestiti a tasso agevolato da parte del Fondo europeo per gli investimenti (FEI) o dalla Banca europea per gli investimenti (BEI). L’attivazione di questi finanziamenti è curata da intermediari finanziari nazionali (ossia alcuni enti creditizi).

Prestiti: le ultime news

Settore prestiti in miglioramento ma sempre in negativo

20-11-2014

I dati Abi sul mese di ottobre mostrano un settore prestiti in moderata ripresa. Contrazioni contenute e tassi migliori

Supermoney News

Prestiti agevolati per le start up innovative: fino a 1,5 mln a testa

18-11-2014

Dal 13 novembre è ufficiale: in Italia prestiti agevolati per le start up innovative, disponibili 1,5 mln a testa

Supermoney News

Prestiti peer-to-peer, il successo della start up Made in Italy

17-11-2014

Prestiamoci è la piattaforma italiana di prestiti peer-to-peer acquisita da una società norvegese per 5 milioni di euro

Supermoney News
Documento senza titolo